Una volta arrivati a Venezia ed essersi assicurati un letto a poco prezzo, ovviamente inizia la parte divertente della gita: l’ esplorazione.


A spasso per le calli…
Ci sono molte scelte disponibili per muoversi all’interno della città, tra le quali possiamo individuare il vaporetto, la gondola e… i nostri piedini. Tra queste noi ovviamente optiamo per una camminatina, scelta che vanta numerosi aspetti positivi, come un portafoglio immacolato, sano e rilassante esercizio per il nostro corpo e la possibilità di osservare Venezia con maggior attenzione e calma. Da non sottovalutare poi l”esperienza di passeggiare tra i ponti e le calli di Venezia, che fa apprezzare realmente anche i più piccoli e particolari dettagli della città. La camminata ovviamente richiede scarpe comode e una cartina per aiutarvi nell’orientamento. Si possono anche seguire i segnali sparsi tra le vie, che indicano le diverse strade per raggiungere le diverse “attrazioni”.
A Venezia le cose da vedere sono molte, come Piazza San Marco, Canal Grande, il Gran Teatro La Fenice, i Giardini Napoleonici, Murano, Burano e via dicendo. Noi, essendo rimasti li entrambe le volte per una giornata soltanto abbiamo visitato solamente le zone principali della Città e, a differenza di Londra, non abbiamo chicche segrete e nascoste da svelare. Possiamo però indicarvi come uscire da Venezia con solo un quarto di centello in meno, speso per pranzo merenda e cena!

rose V

Let’s go!
Ovviamente Piazza San Marco e il Canal Grande vanno assolutamente visti. Sono infatti state le prime cose che abbiamo visitato appena arrivati lì.
Partendo dalla stazione la camminata verso Piazza San Marco è abbastanza lunga, visto che dovrete attraversare praticamente l’intera città, ma per niente impegnativa. Anzi, sarà molto più che piacevole visto l’antico e quasi surreale panorama che vi circonderà. Il Canal Grande invece non sarà difficile da trovare visto che, come già annuncia il nome, è il corso d’acqua più trafficato ed esteso all’interno di Venezia. E’ possibile vederlo già dalla stazione dei treni, situata vicino al capolinea dell’autobus dal quale siete stati prelevati al parcheggio.

V1

Se il vostro arrivo a Venezia è previsto in tarda mattinata, come è successo a noi, prima di avventurarvi nel centro della città riempitevi lo stomaco in qualche baretto o fast food vicino alla stazione. Lì potrete trovare infatti alcune catene che, ovviamente, lasciano i prezzi del cibo invariati, permettendovi di non perdere un capitale solo per il pranzo.
Una volta fatto pranzo Venezia sarà tutta per voi, avventuratevi, sgranate ben bene gli occhi e tappatevi il naso perché un panorama del genere sarà molto difficile da ritrovare. Visitate tutto ciò che più vi interessa, i luoghi da vedere al suo interno sono davvero tanti e vi lasceranno tutti a bocca aperta. Alcune attrazioni, soprattutto le più famose, minacceranno continuamente il vostro povero bancomat, quindi dedicategli le vostre più care attenzioni.
Alcuni dei luoghi sicuramente da evitare, se vi sentite parte del nostro club, sono tutti i baretti che circondano Piazza San Marco. Non fatevi ingannare dal lusso e dalla vocina interna che vi persuade con frasi del tipo: “Ci vengono tutti i turisti qua, non sara mica così costoso”, ” Non possono essere tutti ricchi questi seduti al bar”. Si! Lo sono! Fidatevi di noi. E se non fosse così, probabilmente avranno a disposizione un budget molto ampio per la loro vacanza. Quindi, come diceva sempre lo zio “Su con le  orecchie!”. Sedetevi nel centro o su qualche gratuito gradino e godetevi la vista da là. La piazza è sempre bella e il vostro caffè può aspettare.
Per quello infatti o qualsiasi altra bevanda consumabile in un bar, allontanatevi il più possibile dalle zone con maggior flusso di turisti. Il conto non sarà pari a quello di un Autogrill, ma qualcosa andrete sicuramente a risparmiare. Di baretti carini e con ottime viste ce ne sono a valanghe, basta solamente aver voglia di cercare. Guardate, per esempio, nelle piazzette sparse all’interno della città o lungo le calli.
Un’ altra attività da evitare assolutamente è la Gondola. Bellissima, romanticissima e rilassante, ma esageratamente costosa. No, direi che non fa proprio per noi! Andreste a perdere tutto quello che siete riusciti a risparmiare fino ad ora. L’unico modo per ottenere un giro gratuito o uno sconticino sarebbe quello di fare amicizia con un gondoliere, che magari per compassione o simpatia potrebbe cedere e farvi un regalo, ma il risultato non è sempre assicurato.
La Laguna
Da Piazza San Marco, così come da Piazzale Roma (dove vi ha lasciato il bus), partono le linee che portano a Murano, un agglomerato di isolette molto famoso per le sculture in vetro che produce. Sicuramente, se Venezia non è tra le mete più vicine a casa vostra, vale la pena visitarlo, anche se questo farà uscire qualche soldino in più dalle vostre tasche sicure. La scelta del biglietto migliore varia in base a ciò che preferite fare. Se l’idea è quella di salire su un vaporetto solamente per andare e tornare da Murano consigliamo il biglietto singolo, ma se invece avete idea di fare un salto anche a Burano e/o altre isole che “galleggiano” nella parte nord della laguna, è sicuramente meglio acquistare un biglietto giornaliero. A Murano è possibile visitare(gratuitamente se prenotato online) la Fornace, dove mostrano come viene lavorato il vetro originario del posto, ma anche il Museo del Vetro (a pagamento), la Cometa di Vetro e le numerose Vetrerie. Se invece preferite seguire la vostra etica e passeggiare allegramente per Venice, ne sarà comunque valsa la pena.

murano

Concludiamo in bellezza!
La cena è stata invece il pasto che ci siamo goduti sicuramente di più, visto che siamo due grandi amanti del pesce e del risparmio. Siamo infatti riusciti a gustarci una frittura e un piatto di spaghetti allo scoglio per un prezzo inaspettatamente nella media. Per cena infatti abbiamo raggiunto Cannaregio e ci siamo incamminati nella parte più a Nord.
Lungo tutta la via “Fondamenta della Misericordia” abbiamo trovato una serie di ristorantini, quasi tutti con cucina a base di pesce, con prezzi più che abbordabili, che ricreavano un atmosfera allegra e intensa allo stesso tempo. Insomma, ci siamo proprio goduti la cena e la consigliamo vivamente!

V2

Noi speriamo che questi consigli vi possano essere utili durante le vostre escursioni e che vi facciano godere al meglio la città. Ora vi salutiamo con il dolce ricordo di questa fantastica escursione ancora nella testa e speriamo che presto possiate farvene uno tutto vostro.

Da mettere in valigia:
Mappa di Venezia: Venezia_map-IT260107
See you… Ariel & Sebastian
Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s